CANZONE PER GIULIO | KUMBAYA, MY LOVE

Ti distrai scrivendo canzoni e ti risvegli in un paese razzista.
Aldilà del disco che arriverà, oggi esce un singolo a cui ho lavorato velocemente nei ritagli di tempo: un’istantanea.
Celebrare la memoria di alcuni avvenimenti non è roba da paleontologi ma un modo per ricordare che certe conquiste di civiltà non andrebbero date per scontate.
Anche essere liberi di amare chi vogliamo è un privilegio da non sottovalutare.
“Finché distanza non vi separi…” sanciva la formula di matrimonio fra schiavi, perché l’uno o l’altra avrebbero potuto essere venduti a un diverso padrone in qualsiasi momento e interrompere, costretti, il loro amore a tempo determinato. Terribile.
In un clima tanto teso per il nostro paese, spero che questa canzone, che guarda alle sterminate piantagioni di cotone americane e alla culla dell’umanità, mamma Africa, aiuti nel suo piccolo ad alleggerire un’aria così pesante.
Oggi vi racconto la storia di un amore coraggioso, come ogni amore autentico dovrebbe essere.
Spero vi piaccia.
G.

No Responses

Leave a Reply




Top